ChievoVerona - Hellas Verona

Vincere un derby è sempre motivo di enorme soddisfazione, di gioia, di emozione e di adrenalina al massimo. Se poi la vittoria arriva dopo una partita nella quale si è andati sotto, pareggiato, poi il sorpasso, di nuovo raggiunti e poi alla fine la zampata vincente del capitano, allora il gusto della vittoria ha un sapore ancora più dolce!

 

È stato sicuramente un bellissimo derby, giocato sia dal ChievoVerona che dall’Hellas Verona con molta determinazione e voglia di vincere.

 

È la squadra di Fabio Pecchia a partire con il piede giusto. Al 6’ del primo tempo Caceres mette in mezzo un pallone che Sorrentino respinge con le mani, la palla arriva sul piede di Verde che di sinistro segna il gol dello 0-1.

I gialloblù non accusano troppo il colpo e con calma iniziano a macinare il solito gioco con equilibrio e compattezza di squadra. Questo porta gli uomini di mister Rolando Maran ad acciuffare il pareggio grazie a Roberto Inglese al minuto 23, che prima si libera in area di rigore dalla marcatura del difensore con un movimento degno del miglior cestista e poi stacca di testa e sfrutta nel migliore dei modi una perfetta punizione calciata dal solito sinistro fatato di Valter Birsa. 1-1 palla al centro!

 

Dopo appena sette minuti il centrocampista dell’Hellas Verona Bruno Zuculini atterra in area di rigore Perparim Hetemaj e l’arbitro Abisso concede il penalty. È Inglese ad incaricarsi della battuta e segna il suo quarto gol in questa stagione portando i gialloblù avanti nel punteggio.

Proprio Zuculini entra in scivolata su Birsa e prende il giallo. È il secondo, quindi espulsione. Hellas Verona in dieci uomini.

 

Finisce sul risultato di 2-1 il primo tempo.

 

Il secondo tempo è da cuori forti. Al 9’, Caceres colpisce di testa e il pallone sbatte sul braccio di Gamberini. L’arbitro Abisso non concede il rigore, ma il VAR Daniele Orsato ravvisa l’infrazione e così il direttore di gara cambia idea e decide di assegnare il penalty. Calcia Pazzini, intuisce Sorrentino che però non arriva di poco. È 2-2 al Bentegodi.

 

Mister Maran sa che in una partita così ci vogliono uomini di esperienza, e dalla panchina chiama il capitano Sergio Pelliissier.

 

La scelta si rivela vincente! Siamo al 28’, Castro recupera un buon pallone in zona area di rigore, serve Cacciatore che ha nel mirino Pellissier appostato nel cuore dell’area di rigore e gli spara un assist sul quale il capitano si avventa in scivolata. Colpisce la palla con non si sa bene quale parte del piede, ma basta quel che serve per spedire in porta il pallone. Apoteosi sotto la Curva Nord!

 

I minuti finali sono tiratissimi, ma dopo 3’ di recupero Abisso fischia la fine!

 

I gialloblù vincono la partita, salgono a quota 15 punti e adesso pensano già al turno infrasettimanale di mercoledì contro il Milan sempre al Bentegodi.

 

 

Ma nella testa e nel cuore rimarrà sempre questa indimenticabile domenica!