ChievoVerona - Napoli

Come si può fermare una corazzata che in questo campionato ha pareggiato solo una volta, contro l’Inter, vinto tutte le altre e che in Champions League ha messo in difficoltà sia all’andata che al ritorno una super potenza quale è il Manchester City ricevendo anche gli elogi di Pep Guardiola?

 

Chiedere a mister Maran per avere la risposta!

 

Domenica pomeriggio i gialloblù sono scesi in campo contro il Napoli con il difficile compito di provare a fermare la squadra allenata da Maurizio Sarri e di sovvertire il trend di due sconfitte consecutive subite contro Milan e Sampdoria.

 

Lo avevano detto in settimana Gamberini e Maran nelle rispettive conferenze stampa che sarebbe servita la partita perfetta, con reparti stretti, compattezza di squadra e tanto equilibrio, cercando di mantenere la propria identità e l’essere propositivi.

Dall’altra parte il Napoli non ha fatto cambi e ha schierato dal primo minuto tutti gli uomini di punta, ad eccezione di Sepe al posto di Reina.

 

Dopo 90’ di totale equilibrio, i gialloblù sono usciti dal Bentegodi tra gli applausi del pubblico con un punto in cascina in virtù dello 0-0 ottenuto.

Da segnalare una splendida parata di Sorrentino proprio nei minuti finali su un tiro da fuori area di Insigne. La conclusione era destinata a finire sotto il “7” della porta, ma il volo del portierone gialloblù ha vanificato il tentativo dell’attaccante napoletano.

 

Pochi minuti prima, Radovanovic si è inventato una magia con un tiro da centrocampo (simile a quello visto nel derby vinto con gol di Paloschi!) parato non senza difficoltà da Sepe.

 

Domenica prossima ci sarà la pausa di campionato per gli impegni delle Nazionali, e il ChievoVerona ci arriva con il 10° posto e 16 punti guadagnati.