ChievoVerona - Roma

Come si definisce una partita conclusa con il risultato di 0-0 contro una formazione che si trova attualmente al quarto posto in classifica a cinque punti dalla prima e con una partita in meno e che in Champions League ha vinto il proprio girone e le avversarie si chiamano Chelsea e Atletico Madrid?

Impresa? Forza del gruppo? Prestazione super? Follia e genialità? Riscatto?

Prendete un frullatore e mettete dentro tutti questi ingredienti, e ciò che ne esce è esattamente la partita giocata dai gialloblù contro la Roma.

 

Lo avevano detto in settimana mister Maran e Riccardo Meggiorini: l’unica ricetta per riscattarsi dalla sconfitta contro l’Inter sarebbe stato il duro lavoro e la voglia di ripartire anche contro un avversario di prima fascia e che quest’anno lotterà sicuramente per i primi posti.

 

ChievoVerona e Roma sono scesi in campo nell’anticipo delle 12.30 della 16^ giornata di Serie A Tim.

Il match è partito in totale equilibrio, ma la prima grande occasione è capitata sul piede di Roberto Inglese che, complice una deviazione sbagliata della difesa giallorossa, si è trovato a tu per tu con Alisson ma il suo tiro si è stampato sulla parte superiore della traversa.

 

Alcuni minuti più tardi si è resa pericolosa la Roma, e da quel momento è iniziato il Sorrentino-show!

 

Kolarov ha lasciato partire un sinistro deviato con il tacco da Schick. Il portiere gialloblù in tuffo è riuscito a deviare. Sulla ribattuta Gerson ha colpito a botta sicura ma ancora Sorrentino, con un un balzo felino, si è lanciato sul tiro e con la faccia ha respinto.

 

Nel secondo tempo i gialloblù si sono resi pericolosi in due occasioni. In entrambe l’azione è stata molto simile con Meggiorini e Birsa che hanno trovato il tiro dal limite dell’area di rigore ma la parata di Alisson centrale nel primo caso e la traiettoria troppo alta nel secondo hanno negato agli uomini di mister Maran la gioia del gol.

 

La Roma si è dimostrata squadra ad alto tasso tecnico ma l’ottima organizzazione gialloblù e altre tre parate di Sorrentino hanno fermato l’avanzata giallorossa. 

 

Al 37’ una delle più belle parate di Sorrentino con il ChievoVerona e non esageriamo se diciamo di tutto il campionato. Schick ha calciato da fuori area. La palla era destinata al palo più lontano, Sorrentino si è lanciato dalla parte della traiettoria. Un tocco involontario ha deviato il pallone. Il portierone gialloblù, già in tuffo, con il piede è riuscito a deviare la palla e a farla sua in un secondo tempo. Avete presente Holly e Benji? Niente di più simile al cartone giapponese!

 

Il match è finito così con un ottimo punto per il ChievoVerona. Una dimostrazione di carattere, spirito di abnegazione e voglia di non mollare mai, anche dopo una sconfitta pesante. Un match, come ha poi detto Sorrentino a fine partita, “da Chievo”!