Romairone: «Giù le mani dai nostri pezzi pregiati»