ChievoVerona - Empoli

Match report: 

L’esordio in casa in campionato regala ai tifosi gialloblù una partita di cartello: allo stadio Bentegodi, infatti, arriva l’Empoli di mister Cristian Bucchi. Una squadra data da tutti come favorita per la promozione diretta in Serie A. Un test difficile, probante, anche perché sulla rosa del Chievo incombono ancora gli ultimi giorni di calciomercato, con le trattative, sia in entrata che in uscita, in continua evoluzione a rendere ancora più arduo il compito di mister Marcolini.

 

Nonostante queste premesse e nonostante il livello dell’avversario di giornata sia più alto rispetto a quello di cinque giorni prima, il Chievo si ripete e confeziona una prestazione ancora migliore. Anche questa sera i gialloblù sono padroni del campo per larghi tratti della partita.

 

Le principali azioni. Al 7’ del primo tempo Esposito cerca e trova Djordjevic in area di rigore: il sinistro dell’attaccante serbo sfiora il palo a portiere battuto. Al 20’ ci prova Segre con una conclusione rasoterra da 35 metri: anche in questo caso pallone fuori di poco. Al 27’ gol annullato a Meggiorini che aveva anticipato Romagnoli dopo una corta respinta di Brignoli. Per l’arbitro Ghersini è gamba tesa dell’attaccante veronese. La doccia fredda sui gialloblù arriva al 31’, quando Dezi al volo batte Semper con un tiro imparabile per l’1-0 empolese. Reazione quasi immediata del Chievo: al 41’ Djordjevic sigla l’1-1 con un tocco di prima in area di rigore su cross di Brivio.

 

Nella ripresa il Chievo aumenta i giri del motore: al 7’ Giaccherini impegna Brignoli con un tiro dal limite dell’area, al 24’ Garritano dalla sinistra crossa in mezzo trovando un perfetto inserimento di Segre che al volo sfiora la traversa, al 28’ clamorosa occasione da rete gialloblù: Giaccherini serve Segre che libera con un tocco di petto Garritano. Il folletto gialloblù appoggia nel cuore dell’area a Djordjevic che da ottima posizione non riesce a inquadrare lo specchio della porta. Al 40’ l’ultima grande occasione: Rodriguez è bravissimo a sgusciare tra due difensore ospiti e calciare verso il primo palo, ma Brignoli respinge di piede in angolo e, pochi minuti dopo, l’arbitro fischia la fine della partita.

 

La vittoria, che sarebbe stata meritata e legittimata dalla prestazione dei gialloblù, sfugge solo per qualche imprecisione di troppo in area di rigore toscana. Ancora una volta, però, la prestazione conforta in primis Marcolini, e anche tutti gli appassionati gialloblù.