Chievo Women volenteroso ma poco concreto

Dopo quattordici giorni di pausa riprende finalmente il campionato. Scontro salvezza fondamentale per il Chievo, che affronta l’Orobica tra le mura amiche dello stadio Aldo Olivieri. Le gialloblù nell’ultima sfida disputata hanno battuto la capolista Pomigliano, compiendo una grandissima impresa.

PRIMO TEMPO – Baricentro subito alto per il Chievo, che mette subito in campo un pressing energico finalizzato al recupero palla veloce. Arriva al 4′ la prima occasione per le gialloblù, con un destro di Gelmetti che finisce però Nardi controlla senza problemi.

Vantaggio Orobica – Al 5′ la sbloccano le ospiti. Serie di batti e ribatti, con il pallone che finisce fortunosamente sulla testa di Hilaj, che da solo in area non fa fatica a metterla dentro e a siglare lo 0 a 1. Chievo che deve subito rincorrere.

La reazione della squadra di mister Ardito arriva subito, con un colpo di testa di Salaorni su assist di Boni che finisce di poco alto. Chiaro il canovaccio della gara, con le gialloblù che propongono gioco l’Orobica che si difende con ordine, ripartendo in contropiede.

Traversa Gelmetti – Al 23′ il Chievo ha una grandissima doppia occasione. Palla di Salaorni per Martina Gelmetti, stop orientato col petto e gran tiro della numero 18 che però si stampa sulla traversa. Sulla ribattuta ci prova ancora l’attaccante, ma la difesa respinge. Non è finita qui: il pallone finisce tra i piedi di Dallagiacoma, che scaglia un gran tiro, respinto però da Nardi. 

Non succede più nulla o quasi fino alla fine del primo tempo e dopo due minuti di recupero il direttore di gara manda le due squadre nelle spogliatoi sul risultato di 0 – 1 che premia le bergamasche. Sfortunato il Chievo, che subisce gol nell’unica occasione in cui l’Orobica si è spinta in avanti.
Il rimpianto dei primi 45′ è l’opportunità creata da Gelmetti, fra le più attive delle ragazze gialloblù, finita però sulla traversa.

SECONDO TEMPO – Inizia subito forte il Chievo, alla ricerca del pareggio. Al 4′ grande, seppur potenziale, occasione per le clivensi: al termine di un ottimo triangolo Dallagiacoma va sul fondo e da ottima posizione prova a servire Gelmetti sola in area, ma è provvidenziale la difesa dell’Orobica che salva quello che probabilmente sarebbe stata solo una formalità per l’attaccante ex Napoli.

Raddoppio Orobica – Al 65′ raddoppia l’Orobica. Sciabolata lunga verso l’area, Olivieri buca l’uscita alta e non riesce ad allontanare. Sul pallone si fionda di testa Zigic, che segna lo 0 – 2. La strada per le clivensi si fa in salita, che subiscono un gol che pesa come un macigno soprattutto sulla testa delle ragazze.
Fatica infatti a reagire il Chievo, subendo il gol dal punto soprattutto di vista mentale. Al 71′ ci prova Pecchini in spaccata, servita dal sinistro su punizione Salaorni, ma il pallone si perde di poco fuori.

Terzo gol Orobica – Al 76′ la chiudono le ospiti. Chievo lungo in campo, sbilanciato per provare a cercare il gol. L’Orobica riparte in contropiede, con il pallone che finisce sui piedi di Pereira. La numero 15, neo entrata, la piazza all’angolino, battendo Olivieri. Zero a tre e gara praticamente in ghiaccio.
All’89’ l’ultimo sussulto è ancora di Gelmetti che ci prova di testa, ma Nardi è attenta e riesce a parare.

Finisce così la gara. Un volenteroso Chievo perde 0 – 3 nello scontro diretto per la salvezza, pur non demeritando dal punto di vista del gioco. Molto cinica l’Orobica, che ha sfruttato le poche occasioni avute nel corso del match.
Partita pragmatica della formazione lombarda, che non bada spesso allo stile ma è concreta in entrambe le fasi. La classifica adesso si fa molto complicata, ma l’opportunità per il riscatto arriva già domenica, sempre allo stadio Olivieri, contro il Como.

Il tabellino della gara:

CHIEVO WOMEN 0: Olivieri; Pecchini, Tunoaia, Salaorni (78′ Carleschi), Mele (67′ Mascanzoni); Tardini (78′ Salimbeni), Prost (67′ Bertolotti), Boni; Peretti, Gelmetti, Dallagiacoma (65′ Distefano).

Orobica CF 3: Nardi; Magni, Visani (71′ Kalasic), Hilaj, Salvi; Zigic, Poeta, Mandelli (46′ Pereira); Foti (77 Bertazzoli), De Vecchis, Lazzari (71′ Asta).

Marcatori: 4′ Hilaj (O); 65′ Zigic (O); 76′ Pereira (O).

Ammoniti: Mele (C); Salaorni (C)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp