Tanti auguri, Presidente!

2012 - 2013

Quella che si apre nell’estate del 2012 è già di per sé una stagione storica. Succeduto al padre Luigi nel settembre 1992, Luca Campedelli festeggia vent’anni come presidente dell’A.C. ChievoVerona. Un impegno forte, che ha portato in alto la squadra della Diga e che, contemporaneamente ha protratto nel tempo una saga familiare in cui la Famiglia Campedelli, oltre al papà Luigi anche il fratello Piero e lo zio Giuseppe, ha rivestito più ruoli: presidenti, consiglieri e sponsor e comunque sempre vicini al “loro” Chievo.

Dopo un solo anno partono Bradley (a Roma) e Acerbi (Milan), i nuovi arrivi (Marco Rigoni, Di Michele, Stoian, Papp e Farkas) – come il precampionato – sembrano promettere bene ma la stagione sarà tormentata. Cinque sconfitte nelle prime sei partite costano la panchina a Di Carlo, sostituito da Eugenio Corini, ex centrocampista con 144 gare e 31 goal nel Chievo. Lo affianca Paolo Nicolato, valente tecnico del Settore Giovanile.

Il debutto è vincente (2-1 alla Sampdoria) ma la risalita è lenta: alla nona giornata i gialloblù occupano il penultimo posto della graduatoria. A riportare a galla il Chievo sono i risultati nei confronti diretti e le vittorie esterne: oltre a quelle di inizio dicembre con Genoa e Cagliari e di Siena, il ChievoVerona espugna due volte lo stadio Olimpico di Roma. È di Théréau la rete che, il 7 maggio, sconfigge la Roma e regala l’ennesima salvezza. Il bilancio G: 38 V: 12 N: 9 P: 17 RF: 37 RS: 52 P.ti: 45 Pos: 12°

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp